L’ultima missione del conte

L’ultima missione del Conte

Giuseppe Pagano

Introduzione

In questo libro sono presenti anche molte illustrazioni! Sono davvero ben curate e molto belle, si intonano perfettamente con la narrazione. (Scorrere le foto per vederne qualcuna)

Recensione

In questo breve libro viene raccontata la storia di un agente segreto di Cavour, il Conte di Carmagnola, che si reca in Sicilia con la convinzione di trovare solo i mali della società, quali la povertà, l’immoralità e soprattutto solo gente ignorante e delinquente. Così era visto tutto il Sud negli anni dell’Unità di Italia, 1860… Oggi è forse cambiato qualcosa?
Il Conte di ritrova a dover affrontare un capitano dei Borboni, ma ben presto si renderà conto che non è un semplice capitano, ma è una donna, la quale è riuscita a conquistarsi faticosamente il rispetto di tutto il resto della squadra da lei capeggiata.
Questi due sono personaggi ricorrenti nella storia in quanto spesso la vita di entrambi sarà in pericolo per il rapporto che si verrà a creare tra i due. Ma ci saranno anche molti altri personaggi importanti, come i compagni del Conte, tra i quali si rivelerà anche esserci un traditore…

Conclusioni

In conclusione mi sento di dirvi che la lettura è stata molto scorrevole e piacevole, il libro è scritto molto bene e il linguaggio è semplice, ma allo stesso tempo efficace!
Vi lascio il link per acquistarlo o semplicemente per saperne qualcosa in più:
https://www.kimerik.it/SchedaProdotto.asp?Id=3656
Per chiunque fosse interessato invece a seguirmi, ecco il link del mio profilo Instagram!
@la_lettrice_ • Foto e video di Instagram

Citazioni

Quindi, nel Regno delle Due Sicilie che si stava dissolvendo, tutte le scelte di lealtà o interesse, si riducevano soltanto a due: impedire il nuovo che avanzava o cercare di entrarvi favorevolmente, perché era la cosa giusta o perché non c’era scelta. Di conseguenza i siciliani si divisero tra l’una e l’altra possibilità, ma persero tutti.

Pubblicato da lalettrice

Mi chiamo Giusi, ho 17 anni e amo leggere. Amo la poesia, credo che proprio come diceva Shakespeare, attraverso le parole delle poesie rendiamo immortali i nostri sentimenti. Amo anche aiutare autori emergenti o case editrici a far conoscere stupendi libri. Grazie a chiunque spenderà il suo tempo a leggere le mie parole, siete preziosi. Vi voglio bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.