La verità su Angela di Alessia Servidei

L’autrice Alessia Servidei si arma ancora una volta di coraggio e decide di cambiare veste al suo romanzo “Io vivo in te” , lo revisiona, cambia titolo e copertina e aggiunge un pizzico di altro, fino ad arrivare alla auto-pubblicazione di questa revisione. ” La verità su Angela “ ci racconta una storia che abbiamo già letto nel suo precedente libro, ma ce la presenta con una forma molto diversa, più intima e particolare, ma procediamo per gradi.

La verità su Angela
  • Titolo: La verità su Angela
  • Autrice: Alessia Servidei
  • Numero di pagine: 250 circa
  • Codice ISBN: 979-8655465480
  • Prezzo: 12.90€ cartaceo, 2.99€ ebook
  • Link d’acquisto: https://amzn.to/3lbSekG

Il passato di Angela torna a bussare prepotentemente alla porta dei suoi ricordi: delle immagini, delle foto che non le ricordano la sua infanzia, degli incubi che vive in terza persona, pur provando tutti i sentimenti della vittima… insomma, una serie di strane circostanze avvengono nella quotidianità di Angela, ma tutto inizia a cambiare ancora più radicalmente quando ai suoi incubi, irreali, Angela inizia ad associare una persona, reale.

E non una persona qualunque, ma una donna che rapisce delle bambine, che si è anche introdotta in casa di Angela per rubare una sua foto… una strana donna con i capelli biondo cenere, molto simili ad una parrucca; ma che ruolo giocherà questa figura nella vita di Angela, oppure, che ruolo fondamentale ha giocato nel suo passato?

Una moltitudine di interrogativi che ruotano attorno al rapimento di queste due bambine si incroceranno inaspettatamente con gli incubi di Angela, che oltre ad essere la mamma di Sara e Rebecca, è anche una bravissima psicologa che più volte tenterà di auto-psicoanalizzarsi, senza riuscire a giungere però a delle conclusioni non oggettive.

Le indagini poliziesche su i due rapimenti, una sua amica e collega Federica e un lato nascosto della sua famiglia giocheranno un ruolo fondamentale nella spiegazione di tutti questi interrogativi e man mano che la storia andrà avanti, vi renderete sempre più conto di quanto il passato resti incastrato nella nostra mente, che a volte ci protegge, ma che a volte ha bisogno di farci ricordare.

La verità su Angela ci racconta di un passato violento e difficile, che troppo spesso viene ignorato dalle persone che ci stanno accanto e dovrebbero fare qualcosa, oppure che troppo, ma davvero troppo spesso, il dolore che ci viene inflitto proviene da una persona a noi molto cara, molto vicina, o almeno così dovrebbe essere.

La verità su Angela, attraverso questo thriller psicologico, ci mette davanti ad una delle più grandi difficoltà che incontriamo quotidianamente: guardarsi allo specchio e riconoscersi, per intero, con tutte le proprie sfumature, che appartengono al nostro passato, presente, oppure alle scelte che vorremmo compiere nel nostro futuro: noi siamo questo, che sia un passato brutto e doloroso, o uno più felice e sereno, che si prospetti un futuro difficile oppure uno più semplice, noi siamo questo e tutte le nostre personalità, le nostre sfaccettature, vivono in noi e fanno parte del nostro essere.

Ho deciso di non sbilanciarmi molto sulla trama, per evitare eventuali spoiler su parti importanti della trama, ma mi soffermerò principalmente sulle mie impressioni e in particolar modo su cos’ho trovato migliore tra questa revisione e il libro precedente ( che già mi era piaciuto molto, trovate la recensione qui se vi va di leggerla: https://lalettrice.altervista.org/io-vivo-in-te-alessia-servidei-recensione-2/ ).

Lo stile è sicuramente più fluido e scorrevole, non che prima non lo fosse, ma la particolarità di un thriller dev’essere proprio questa: mantenere alta l’attenzione del lettore con uno stile coinvolgente, ricco di suspense e il giusto alone di mistero; così il lettore è curioso di leggerne di più, di scoprire di più riguardo la storia e quindi in questo caso il passato di Angela… fin dalle prime pagine Angela stessa descrive il suo passato come un qualcosa di diverso da quello dei suoi compagni di scuola: amava stare da sola a leggere i suoi libri, con il suo peluche preferito dal quale non voleva mai separarsi, lontana dalle persone che non capiscono e giudicano soltanto, invece di aiutare. La verità su Angela è questo e molto di più.

In questo romanzo l’autrice denuncia alcuni degli eventi peggiori che possano accadere ad un bambino o ad un adolescente: La Verità su Angela ci racconta di abusi, da persone a noi care, di violenza e soprattutto di violenza domestica, fisica e psicologica, che distrugge la mente di un bambino e lo rende schiavo del suo passato, di queste vessazioni; ma si può comunque rimanere ancorati al presente, che sia con un disegno o con un libro, con un peluche o con un amico, è importante questo.

Il percorso di rinascita, di accettazione di metabolizzazione degli eventi sono sicuramente molto lunghi, non basterebbe una vita intera, forse, per questo alle vittime viene richiesta sempre tantissima forza per ricostruirsi, nonostante per loro sia stato dolorosissimo anche soltanto subire…

La verità su Angela è il frutto di un percorso compiuto dall’autrice, doloroso sicuramente, ma che le ha dato la forza per ricostruire la sua vita e renderla migliore, anche grazie alla stesura di questo romanzo, se volete conoscerla un po’ meglio e sapere cosa ne pensa, l’ho intervistata qualche mese fa al seguente link : https://lalettrice.altervista.org/intervista-allautrice-alessia-servidei/

Grazie, Alessia, per la fiducia e per i bellissimi dialoghi che abbiamo avuto, per il rispetto e la stima che hai dimostrato in tantissime occasioni, spero che questa nuova vita che vive in te possa renderti la vita ancora migliore, con qualcuno che ti ami incondizionatamente <3

Ero sola, credevo di esserlo, ma la sensazione di essere spiata non cessava di farsi strada dentro di me.

Pubblicato da lalettrice

Mi chiamo Giusi, ho 17 anni e amo leggere. Amo la poesia, credo che proprio come diceva Shakespeare, attraverso le parole delle poesie rendiamo immortali i nostri sentimenti. Amo anche aiutare autori emergenti o case editrici a far conoscere stupendi libri. Grazie a chiunque spenderà il suo tempo a leggere le mie parole, siete preziosi. Vi voglio bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.