I cinque profumi del nostro amore

I cinque profumi del nostro amore è un romanzo semplice, ma intenso e carico di forti emozioni che coinvolgono totalmente il lettore.

Ringrazio la casa editrice Giunti Editore per la copia.

I cinque profumi del nostro amore
  • Titolo: I cinque profumi del nostro amore
  • Autrice: Laure Margerand
  • Casa editrice: Giunti Editore
  • Numero di pagine: 240 circa
  • Codice ISBN: 9788809911123
  • Prezzo: 14.90€ cartaceo, 9.99€ e-book
  • Link per saperne di più cliccando qui

La vita è fatta di attimi, qualche istante e tutto viene stravolto, niente tornerà mai come prima: è così per Charlotte e per Pierre-Emmanuel, ma sono certa che questo accada nella vita di molti.

Charlotte è una madre felicissima, stringe a sé il corpicino caldo e profumato di talco, tipico odore dei neonati, del suo piccolo Nathan, con suo marito c’è un’intesa perfetta e il suo lavoro di coach letteraria va benissimo, è tra le migliori nel suo campo. Ma tutto cambia, il suo piccolino in un istante non c’è più: non potrà sorriderle e migliorarle le giornate e non potrà più sentirsi al sicuro, a casa, grazie al suo odore. E’ così che perde tutto: un motivo per andare avanti, per prendersi cura di sé stessa, ma anche e soprattutto perde il senso dell’olfatto: anosmia viene chiamata questa patologia. Visite mediche, terapie e impensabili rimedi non sono in grado di risolvere il suo problema, l’ultimo odore che ricorda di aver percepito è quello del suo bambino, poi ha letteralmente perso tutto.

Mentre la vita di Charlotte diventa pura e inutile sopravvivenza, Pierre-Emmanuel distrugge il suo matrimonio con Agathe: lui è uno scrittore, da sempre la sua compagna di vita è stata anche la sua prima lettrice, la persona con cui ha amato condividere le sue gioie e le sue sofferenze, i suoi dubbi e le sue paure, quella donna che gli ha fatto un bellissimo regalo, il loro dolce bambino Côme; ma poi lui diventa sempre più assente, sempre più interessato alla fama e ai soldi e non si accorge dell’immensa distanza che si sta instaurando tra loro due. É così che la perde, ma è anche grazie a questo che ha voglia di riconquistarla.

É per questo che vuole scrivere di lei, vuole raccontare le fasi più importanti della loro vita e associare a ognuna di esse un odore: un progetto speciale, un tipo di romanzo del tutto innovativo, I cinque profumi del nostro amore deve parlare del loro percorso di vita: di come si sono trovati e poi persi, di tutto quello che hanno condiviso insieme. Per riuscirci ha bisogno di Charlotte e della sua immensa bravura come coach letteraria, ma ha anche bisogno delle incredibili abilità del naso di Gabriella, che traduce in profumi emozioni, sensazioni e lo fa con una maestria unica e inimitabile.

Ci saranno molti sviluppi all’interno della storia, ma ogni personaggio coinvolto oltre questi tre protagonisti avrà una propria evoluzione, a volte lenta e progressiva, altre volte immediata e repentina: così come la vita, che a volte cambia con il passare degli anni quasi senza che ce ne accorgiamo, mentre altre volte basta un attimo e tramuta totalmente. É incredibile l’aderenza che le vicende e le sensazioni descritte in questo romanzo possano aderire così perfettamente alla vita di molti, alle scelte che compiamo e a cosa ci portano, a quelle cose che invece non scegliamo, ma siamo costretti a dover convivere con le loro conseguenze.

É un romanzo che catapulta il lettore nelle vicende: capitolo dopo capitolo si sentirà quasi parte integrante della storia, non un semplice spettatore. La penna dell’autrice Laure Margerand è in grado di coinvolgere tutti i sensi di chi legge: quando Gabriella parla delle sue creazioni in modo attento e minuzioso possiamo quasi avvertire quell’odore, quando Charlotte parla dell’anosmia possiamo avvertire profondamente quel senso di vuoto incolmabile che lascia la mancanza di un qualcosa insostituibile in altri modi.

I cinque profumi del nostro amore lancia molti messaggi importanti al suo interno che vorrei che tutti leggessero e interiorizzassero, in quanto affronta delle tematiche in maniera diretta, ma a tratti un po’ velata: la perdita, il vuoto, il distacco, l’elaborazione del lutto e come questo fenomeno possa essere rivisto in molti aspetti della vita di ognuno, di come sia puramente soggettiva, di quanto sia difficile anche solo riuscire a farsi comprendere. É la storia di una rinascita, è un urlo alla vita nonostante spesso sia davvero difficile e crudele: nonostante tutto è possibile farcela, uscire da quel tunnel buio che sembra essere il dolore che ci fa sopravvivere, respirare ma che ci anestetizza e ci fa dimenticare di cosa vuol dire veramente vivere, sentirsi completamente vivi.

Lo stile è sarcastico e pungente in alcuni punti, in altri dolce e tranquillo, in altri ancora di nuovo più duro e triste: è un mix perfetto per ogni situazione e ogni vicenda narrata all’interno del romanzo, in modo da rappresentare maggiormente le emozioni che i personaggi coinvolti si stanno ritrovando a vivere così da farle avvertire sui polpastrelli delle dita del lettore che inizia a sfogliare avidamente le pagine del libro. Il lessico è semplice e facilmente accessibile a tutti, ma in più punti si nota un profondo studio e approfondimento da parte dell’autrice nel campo di Gabriella, per esempio, quando parla delle sue creazioni profumate o di Charlotte quando affronta riflessioni personali o discorsi legati all’anosmia.

Un romanzo tutto da vivere e da assaporare, in grado di commuovere il lettore, proprio come ha fatto con me: inteso e coinvolgente, con al suo interno gioia, dolore, serenità, avventura, rabbia e molto, molto altro.

Si chiude sempre di più in se stessa, rifiuta con rabbia qualsiasi aiuto, non si concede più alcuna gioia, si priva volontariamente di ogni istante di felicità perché ritiene di non meritarlo.

Alcuni scrittori hanno un dono particolare per queste scene e riescono nella stessa frase a far sorridere il lettore e a emozionarlo, a divertirlo, commuoverlo e farlo sentire a disagio per aver provato emozioni tanto diverse. L’essere umano in fondo è incapace di controllarsi. Nessuno può opporsi quando viene travolto d’improvviso da sensazioni opposte e contradditorie, che a volte rasentano la schizofrenia. A Charlotte piacciono perché la fanno sentire viva.

Sull’autrice:

Lavora nel mondo dei cosmetici e da sempre è affascinata dalla creazione dei profumi. Questo è il suo secondo romanzo, per il quale ha collaborato con una nota creatrice di essenze, che le ha svelato tutti i segreti del mestiere. I cinque profumi del nostro amore è uscito come strenna in Francia con grande successo ed è stato consigliato dalle riviste femminili come il regalo ideale insieme all’iconico Chanel n. 5.

Pubblicato da lalettrice

Mi chiamo Giusi, ho 18 anni e amo leggere. Amo la poesia, credo che proprio come diceva Shakespeare, attraverso le parole delle poesie rendiamo immortali i nostri sentimenti. Amo anche aiutare autori emergenti o case editrici a far conoscere stupendi libri. Grazie a chiunque spenderà il suo tempo a leggere le mie parole, siete preziosi. Vi voglio bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.