Cronaca di giorni non esistiti

Cronaca di giorni non esistiti è un piccolo libricino, scritto con uno stile molto particolare che ha quasi un’atmosfera poetica, come se tutto il racconto fosse un sogno. Sulla trama non c’è molto da dire, però proverò a parlarvene!

Cronaca di giorni non esistiti
  • Titolo: Cronaca di giorni non esistiti
  • Autrice: Francesca L’Altrelli
  • Casa editrice: Bookabook
  • Numero di pagine: 71
  • Codice ISBN: 9788833232911
  • Prezzo: 10.00€ cartaceo, 6.99€ e-book
  • Link per saperne di più: clicca qui

In Cronaca di giorni non esistiti, in poche pagine e in pochi stralci di vita i racconta le storie di quattro personaggi: Lia, Remo, Fulvio e Irene, tutti personaggi molto particolari, diversi tra di loro, eppure così simili, perché condividono uno stato d’animo, una sensazione. Tutti vorrebbero avere un’identità, conoscere se stessi e il mondo che li circonda: chi raccogliendo fiori, chi osservando le persone attorno a sé, chi osservando fuori dalla finestra e chi, invece, ricercando quella “cosa” nella notte, nella sua vita.

Ma tra un sorriso ed una carezza, tra una moka di caffè e una macchina che sfreccia per strada, la storia di tutti questi personaggi viene scritta e ci viene raccontata attraverso stralci della loro vita: quando sono più fragili, che per alcuni potrebbe coincidere col momento in cui sono più belli, quando sono più forti, che per alcuni potrebbe coincidere col momento in cui sono più coraggiosi, ma ci sono anche quei momenti in cui si è tristi, senza forze: quelli sono sicuramente momenti in cui si ha bisogno di più amore, tutti.

Quando ci viene raccontata una storia, ci aspettiamo che si parli di un personaggio molto a lungo, che ci venga descritto il suo passato e che si possa leggere della sua vita per molte pagine, in modo da comprenderlo a pieno: ecco, questo romanzo non fa questo. Questo breve libricino con poche righe su ogni personaggio, con qualche stralcio di vita vi invita a riflettere sulle sensazioni e sulle emozioni che questi personaggi che abbiamo l’occasione di conoscere solo per poco e su quanto abbiano da offrirci.

Come anticipavo anche prima, tutti i personaggi sono apparentemente molto diversi tra loro, ma sicuramente tutti ci lasciano addosso la stessa sensazione di inquietudine e di liberazione, di tristezza e di gioia: ogni personaggio colpisce il lettore e lo cattura, anche grazie allo stile molto particolare che l’autrice utilizza per raccontarci le loro storie.

Il linguaggio è semplice, ma a tratti ricercato, quasi come se ogni frase del libro non potesse essere cambiata neanche di una virgola, perché altrimenti si altererebbe troppo il significato della storia; allo stesso tempo è uno stile anch’esso ricercato, ma semplice, perché attraverso la narrazione in terza persona ci racconta perfettamente gli stati d’animo e i pensieri dei protagonisti di Cronaca di giorni non esistiti.

A tal proposito è doveroso aprire una piccola parentesi sulla caratterizzazione dei personaggi: affascinanti, particolari, onirici, tristi, ma così felici e pieni di vita, da non rendersene quasi conto; arrivare a vivere per inerzia, senza uno scopo per farlo e sentendosi invisibili agli occhi degli altri, spaventati dal mondo esterno e “muti” di fronte ad un mondo che urla troppo, che a volte ci schiaccia.

Questo piccolo libricino va custodito gelosamente, perché attraverso lo stile quasi onirico della narrazione affronta dei temi importantissimi e non semplici da trattare: la vita, il coraggio, l’empatia, l’amore e l’amicizia, la magia della notte e l’impeto che ci colpisce quando proviamo dei sentimenti forti che, se ascoltati, ci aiutano a prendere in mano la nostra vita e a viverla.

Sono questi i temi di cui ho amato leggere in questo piccolo libricino e che mi hanno spinta ad apprezzarlo particolarmente, perché in poche semplici pagine, tra le sue righe troverete nascosto un inno alla vita, alla forza e al coraggio, ai sentimenti e al “fare attenzione ai sentimenti degli altri” ( aspetto di cui io sono sempre innamorata ) che l’hanno resa una lettura particolare, piacevole e con un bellissimo significato!

Personalmente ho scelto di non dilungarmi troppo sulla trama perché altrimenti poi non avrebbe senso leggere il romanzo, ma vi consiglio davvero di farlo, ecco una citazione:

egli c’era sempre stato, ma non fisicamente. Era rimasto nei suoi libri sottolineati e nelle bozze di strani progetti appoggiati sulla scrivania, tutte idee e speranze che prendevano vita soltanto poche volte all’anno, alimentando in lui un’aspettativa che a tratti doveva essere interrotta, cedendo il posto all’aspettativa che gli altri avevano nei suoi confronti.

La casa editrice Bookabook offre ai suoi autori la possibilità di realizzare il proprio sogno e pubblicare il proprio romanzo dopo un attento esame e un’attenta revisione da parte degli editor, ma anche grazie ad una campagna di crowdfunding dove i lettori potranno sostenere la pubblicazione e renderla effettivamente reale.

Altre collaborazioni con questa casa editrice sul mio blog le trovate cliccando qui

Sull’autrice:

Francesca L’Altrelli nasce nel 1996 a Benevento. Coltiva, insieme a una miriade di piante, la scrittura, la lettura e la pittura. Ha frequentato il liceo classico Pietro Giannone di Benevento. I suoi riferimenti spaziano tra la musica e la letteratura, sovrapponendosi e confondendosi: Bob Dylan, Leonard Cohen, Dostoevskji, Lawrence, Cesare Pavese, Joyce, Hesse, Rimbaud. Attualmente frequenta il Davimus presso l’università degli studi di Salerno. Ha scritto Cronaca di giorni non esistiti, pubblicato con la casa editrice Bookabook nel mese di Ottobre 2020.

Pubblicato da lalettrice

Mi chiamo Giusi, ho 17 anni e amo leggere. Amo la poesia, credo che proprio come diceva Shakespeare, attraverso le parole delle poesie rendiamo immortali i nostri sentimenti. Amo anche aiutare autori emergenti o case editrici a far conoscere stupendi libri. Grazie a chiunque spenderà il suo tempo a leggere le mie parole, siete preziosi. Vi voglio bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.