Crea sito

Buongiorno lettori, come state? Oggi sono qui per parlarvi di una storia struggente, che vi farà tanto male, ma che sentirete fin dentro al vostro cuore. Proprio come l’amore incondizionato che provava Anna e che riempiva il suo cuore, fragile ma fortissimo, a tal punto da farsi carico di due vite.

Ma, andiamo per gradi e iniziamo a raccontare la storia partendo dalla foto che ho scattato al libro.

Ecco alcune delle caratteristiche del libro:

  • Titolo: Basta chiudere gli occhi
  • Autrice: Francesca Caldiani
  • Casa editrice: La Corte Editore
  • Codice ISBN: 9788885516953
  • Numero di pagine: 230 circa
  • Prezzo: 16.90€

Oggi voglio partire con una citazione che descrive Anna, la protagonista del libro:

Non ho mai avuto un buon rapporto con il mio corpo. L’ho sempre guardato come un oggetto alieno, una zavorra che ero costretta a portarmi in giro, confusa in vestiti troppo larghi e decisamente fuori moda.

E’ per questo che nella foto di oggi ho deciso di inserire un mio maglione (rigorosamente rosa), di quelli larghi che usiamo per nasconderci dagli occhi degli altri, per passare inosservati e vivere la nostra vita chiusi dentro noi stessi. Perché è questo che ha fatto Anna, ha deciso per tanti anni di non permettere a nessuno di entrare nel suo mondo, per paura e magari anche perché a volte esistono dei vuoti incolmabili, come quello che ha lasciato suo padre dopo averla abbandonata, e magari a volte anche perché crediamo di non poter essere compresi e capiti da nessunoo.

Nessuna delle mie conversazioni ha davvero influito sulla vita di qualcuno. Mio padre, per esempio, se n’è andato nonostante le urla e le preghiere. Sto molto più zitta, da quel giorno. Ci sono state intere giornate di silenzio.

Poi c’è Jacopo, che lotta da tanti anni contro una brutta malattia che vuole strapparlo via da questo mondo e che non ha mai permesso a nessuno di avvicinarsi a lui, per non fargli provare l’atroce dolore di una perdita, ma che di fronte ad Anna non riesce a elevare dei muri invalicabili.

Anna ha un’amica, Giada, ma non riesce a capire fino in fondo il valore di quell’amicizia, che forse è più prezioso di quanto lei creda e soprattutto quando accadrà qualcosa di particolare a Giada, riuscirà a comprenderlo fino in fondo. Ha anche un amico, Filippo, ma non riesce a comprendere neanche le reali intenzioni di lui che non reagirà molto bene all’entrata di Jacopo nella vita di Anna.

Insieme. Suona come una cosa vera.

La piccola e fragile Anna deciderà di stare accanto al suo Jacopo e di donargli il suo cuore come si fa quando si ama qualcuno, di aprirsi e di far conoscere il proprio mondo alla persona che si ha accanto. Supereranno silenzi, notti in ospedale, lunghe attese e tante domande sul tempo che potrebbero avere a disposizione, ma alla fine chi può mai sapere quanto tempo abbiamo?

Basta un attimo per stravolgere la vita di tutti, per darla a qualcun altro o per unirne più di una, basta un attimo e basta chiudere gli occhi per smettere di avere paura.

A te che sapevi trasformare il dolore in amore.

Il finale vi lascerà con un grande nodo in gola che difficilmente riuscirete ad accettare, ma vi posso giurare che è stato uno dei finali più belli che io abbia mai letto, e chi di voi mi conosce sa quanto io pretenda riguardo i finali.

Come credo si evinca dalle mie parole precedenti, non posso non aver amato questo libro, pianto tra le sue pagine, sorriso di fronte alla forza e alla tenerezza che può generare solo l’amore e la penna di un grande scrittore che scrive e racconta di questo. In questo caso, di una grande scrittrice, che ha dimostrato grande sensibilità e tanti altri stati d’animo nella scrittura di questo libro, a tratti forte e a tratti dolce, a tratti crudele e a tratti tenera, a tratti struggente e a tratti “sorridente”.

Vi consiglio di leggere questo libro, o libri simili, almeno una volta nella vita perché vi permetteranno di osservare il mondo e le persone attorno a voi con occhi diversi e con un cuore nuovo, disposto ad andare oltre le semplici apparenze ed oltre i muri che le persone che amiamo innalzano per proteggerci, perché proprio come dice la cara mamma di Anna, le persone quando si chiudono, si chiudono soprattutto con le persone che amano per proteggerle dal dolore che potrebbero infliggergli. Bellissimo questo libro, davvero.

Un ringraziamento speciale va all’ufficio stampa La Corte Editore per avermi permesso di leggere questo libro, trovate la scheda del prodotto qui: http://www.lacorteditore.it/prodotto/basta-chiudere-gli-occhi-francesca-caldiani/

lalettrice

Mi chiamo Giusi, ho 17 anni e amo leggere.
Amo la poesia, credo che proprio come diceva Shakespeare, attraverso le parole delle poesie rendiamo immortali i nostri sentimenti.
Amo anche aiutare autori emergenti o case editrici a far conoscere stupendi libri.
Grazie a chiunque spenderà il suo tempo a leggere le mie parole, siete preziosi.
Vi voglio bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.